Vivere il carlino

Collare o pettorina: cosa è meglio per il tuo carlino?

Ciao, mi chiamo Veronica e sono mamma di tre super carlini pasticcioni: Alo, Soul e Mais. Grazie a loro ho deciso di intraprendere la carriera di educatore cinofilo. Mi leggerai spesso su questo blog perchè voglio raccontarti quello che so e che ho imparato anche grazie all’aiuto dei miei tre assistenti.

Rompo il ghiaccio parlandoti di un argomento molto sentito e molto discusso: Collare o Pettorina: cosa è meglio per il carlino?

Il collo del cane come ricettore sociale

Per l’etologia canina, disciplina che studia le abitudini e i costumi dei nostri amici a quattro zampe, il collo del cane riveste un ruolo fondamentalmente importante nell’ambito del comportamento sociale, per esempio i cani usano la presa al collo per procurarsi il rispetto dei loro simili.

Spesso noi umani utilizziamo il collare in modo sbagliato, oltre a provocare seri danni a livello di salute, impediamo al nostro cane di comunicare in maniera corretta con i suoi conspecifici e usiamo anche lo strattone al collo con il guinzaglio in modo inconsapevole e come provvedimento educativo quando tira.

Il cane però non riesce a capire il significato di questo gesto, con ogni tiro e strattone al collo il cane si pone la domanda del rispetto che però rimane senza risposta. Con il tempo il cane in risposta ai nostri strattoni bruschi impara a tirare sempre di più ignorando completamente il tiro al collo oppure ne rimane impressionato e spaventato che per evitare di provare questa spiacevole sensazione è restio ad andare avanti.

Il collo dunque può essere definito come una specie di “ricettore”, una zona estremamente sensibile dal punto di vista sociale.

Collare o pettorina: cosa scegliere se il cane tira al guinzaglio

Il collare e la pettorina sono due strumenti con la stessa funzione, ovvero tenere il cane sotto controllo durante la passeggiata. Il problema del cane che tira al guinzaglio, non si risolverà semplicemente utilizzando l’uno o l’altro, ma va risolto a monte, lavorando sull’educazione del cane e, soprattutto, sulla creazione di un buon rapporto cane-umano basato sul rispetto reciproco.

Il problema dei cani che tirano al guinzaglio è un argomento molto comune, anche alcuni carlini, nonostante il carattere pacato e docile, spesso hanno questo problema che può provocare sia a loro che al padrone, alcuni disagi. Questo argomento merita quindi un capitolo a se che tratterò in modo più approfondito, in qualche post più avanti.

Collare o pettorina: quale è meglio per il tuo carlino

collari per carliniCollare o pettorina? Bisogna considerare che esistono tantissime razze di cani con altrettante caratteristiche fisiche ed esigenze molto diverse tra loro, per cui una delle due soluzioni potrebbe risultare migliore dell’altra o viceversa.

Ma anche a parità di caratteristiche fisiche, le esigenze potrebbero variare da un soggetto all’altro.

Per la maggior parte delle razze canine il collare sembra essere la scelta preferita dai proprietari, ma in un cane brachicefalo come il carlino il collare non dovrebbe essere preso in considerazione.

 

 

Ecco i motivi per cui non dovresti utilizzare il collare sul tuo carlino:

  • A causa della struttura del muso e del collo corto del carlino, la sua capacità di respirare correttamente è molto compromessa. Se il guinzaglio è collegato al collare, tutta la pressione, la forza e la tensione vengono posizionati direttamente sul collo del tuo carlino pregiudicando ulteriormente la sua respirazione
  • Compressione e costrizione ogni qualvolta che il tuo carlino tira in avanti con conseguente inibizione alla passeggiata
  • Una pressione troppo intensa intorno al collo rischia di aumentare momentaneamente la sporgenza degli occhi del carlino e tutti sappiamo quanto questi siano particolarmente fragili
  • Possibile infortunio alla trachea, già molto delicata, dovuto alla compressione del collare
  • Molti carlini hanno un collo molto largo e una testa più piccola, il collare potrebbe quindi sfilarsi facilmente

Per questi motivi dovresti utilizzare il collare sul tuo carlino solo per uno scopo estetico o per attaccarci la medaglietta con il nome.

I vantaggi della pettorina per il tuo carlino

Fortunatamente esiste la possibilità di salvaguardare il tuo benessere ma soprattutto del tuo carlino grazie all’aiuto di una pettorina.

Questa evita gli effetti negativi procurati da un collare tradizionale, evitano danni alla salute del cane, soprattutto danni fisici al collo e alla colonna vertebrale causati molto spesso dal continuo strattonare e strozzare il collo del cane.

Come accennato in precedenza, la pettorina è un accessorio necessario per il tuo carlino e potrai utilizzarla ogni volta che si esce al guinzaglio.

Alcune prerogative della pettorina sono:

  • Non stringe il collo del cane: come ti ho accennato prima questo è molto importante per un cane brachicefalo come il carlino
  • Se il cane dovesse tirare, non si farebbe alcun male (specie con modello ad H)
  • Fornisce un buon controllo sul tuo carlino soprattutto perchè rimane salda sul suo corpo, mentre il collare, data la particolare fisicità del carlino, rischia di sfilarsi
  • Inoltre la pettorina appoggiando sulle spalle del cane lascia il collo libero per poter comunicare in maniera corretta con gli altri cani senza essere frainteso

Detto ciò, se hai problemi di condotta al guinzaglio, la pettorina sicuramente ti aiuta ma non ti risolve il problema, sicuramente salvaguardi la salute del tuo cane che è un primo passo importantissimo.

Come scegliere la pettorina giusta per il tuo carlino

carlino con pettorinaAlcuni proprietari si allontanano dall’uso della pettorine perchè a volte il carlino mostra intolleranza verso la stessa; il mio consiglio è quello di provare forme diverse finchè non si trova quella perfetta e comoda per il proprio cane.

La pettorina deve essere adatta al fisico del tuo cane, ce ne sono di varie tipologie. Quella che io prediligo è la pettorina così detta ad H, questa tipologia di pettorina è adattissima soprattutto per i carlini e i cani di taglia piccola.

Vediamo alcune caratteristiche da tenere a mente:

  1. Prediligi le pettorine ad H che non stringono il collo nemmeno quando il cane tira al guinzaglio
  2. Scegli una pettorina pensata e progettata per carlini, cioè adatta a razze dal muso piatto e dal petto pronunciato. La larghezza delle cinghie dovrebbe essere di 2 cm al massimo per i carlini adulti perchè se le cinghie sono troppo sottili, pizzicheranno e taglieranno la pelle del cane causando disagio, arrossamento  e persino piaghe. Puoi trovare la pettorina perfetta per il tuo carlino proprio qui
  3. Il materiale perfetto per le pettorine da carlino spazia dalla morbida pelle, al nylon, al tessuto, l’importante è che non sia rigida ma assolutamente confortevole
  4. Sono preferibili le pettorine facili da indossare e con chiusure con fibbia a scatto sul ventre e non sulla schiena. In questo modo sarà super facile da mettere e togliere in pochi secondi.

La mia pettorina per carlini preferita:

Sul sito di Pimp My Pug, troverai diverse fantasie di pettorine ma tutte con forma ad H. Per i cani che tirano al guinzaglio prediligi quelle semplici con l’anima in nylon, resistenti e sicure, per i cani anziani e particolarmente sensibili puoi scegliere il modello comfort realizzato in morbido tessuto.

Grazie per la tua attenzione e spero di essere riuscita a fare chiarezza sul grande dilemma “collare o pettorina”, se hai qualche domanda da pormi mi trovi nel gruppo Facebook “Il carlino in salute”.

2 thoughts on “Collare o pettorina: cosa è meglio per il tuo carlino?

  1. Giovanna ha detto:

    Grazie le tue dritte mi sono di grande aiuto…tra non molto mi arriverà a casa un cucciolo di carlino e ho bisogno di tanti consigli….Non ho mai avuto un cane…aiuto

    1. Simona ha detto:

      sono molto felice che l’articolo sia stato di tuo interesse. buona vita col tuo cucciolo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *