Il carlino bianco
Caratteristiche

Il carlino bianco: leucistico o albino?

Secondo il vero standard del carlino, non esistono colazioni riconosciute tranne il fulvo, albicocca e nero, questo in tutti i Kennel Club del mondo.

Su internet ormai di trova un pò di tutto e ti sarà sicuramente capitato di vedere fotografie di carlini bianchi, soprattutto americani; io stessa conosco una persona che ne possiede uno ed il suo nome è Betty White (non a caso ovviamente).

Oggi ti voglio parlare del carlino bianco e di ciò che dice su di lui la storia, ma ci tengo a precisare che non è mai stato considerato puro.

La storia del carlino bianco

Lo Sze Cina Imperatori

L’origine del carlino risale circa a 3000 anni fa nell’antica Cina.

Non abbiamo nozioni complete in merito alla sua evoluzione perchè QIN SHI HUANG (221-210 a.C.), primo imperatore cinese,  fece distruggere tutti i documenti e i dipinti relativi al carlino.

Secondo alcune fonti, molti carlini orientali avevano una grande quantità di colore bianco sui loro corpi, e alcuni erano quasi completamente bianchi.

Nella fotografia a lato, che ritrae un dipinto antico cinese, sembra sia ritratto un carlino bianco nell’angolo in basso a destra.

Questi esemplari, spesso macchiati, sono documentati in Europa alla fine del 1800, ma si dice che le linee che li produssero siano andate perse.

Carlino bianco della Regina Anne Kathrine – XVI secolo

Questo quadro che ritrae il Carlino bianco della Regina Anne Kathrine (Lambeth, 1523 – Londra, 1542) dama inglese e quinta moglie del re Enrico VIII Tudor, risale al XVI secolo, ed è una delle testimonianze più antiche che possediamo su questa colorazione.

Un altro Carlino bianco celebre fu senz’altro quello del Duca di York, immortalato in questa foto con una tenera cuffietta.

“Un Carlin”, Jean-Baptiste Oudry 1730

“Un Carlin”, Jean-Baptiste Oudry 1730

Jean-Baptiste Oudry (Parigi, 1686 – Beauvais, 1755) è stato un pittore, incisore, disegnatore di porcellane e di cartoni d’arazzo francese. È noto per la copiosa produzione di opere decorative: nature morte, cacce, animali. Dichiarato dal 1722 pittore ufficiale delle “caccie reali” di Luigi XV. 

In questo quadro è raffigurato un carlino bianco (si pensa ma non ne abbiamo la certezza) con macchie marroni a cui sono state tagliate le orecchie, pratica molto diffusa all’epoca e conclusasi con l’epoca vittoriana.

Nel libro “The goodger guide to the pug” di Wilhelmina Swainston, vengono descritti alcuni aneddoti riguardo al carlino bianco ed alla sua storia; non so dirti se siano fonti attendibili ma te le espongo così come sono riportate nel libro.

La prima menzione sui carlini bianchi è stata fatta da WD Drudy alla fine del 1800:

I Carlini bianchi non hanno vinto alcun premio…

Nel 1894 R. Briggs Lee scrive:

i carlini bianchi solcarono le scene delle mostre canine più o meno assieme a quelli neri. Uno fu mostrato a New York intorno al 1890 e un altro poco dopo a Birmingham dalla signora Daziel, ma nessuno dei due era di un perfetto bianco neve

Carlino bianco: leucistico o albino?

La prima cosa da dire è che esistono due tipi di Carlini bianchi: i leucistici e gli albini.

  • Leucismo: è una particolarità genetica dovuta ad un gene, recessivo nella maggior parte dei casi, che conferisce un colore bianco alla pelliccia o al piumaggio di animali che normalmente presentano un manto di colore differente. Sia che si presenti in modo parziale che totale, il leucismo è una forma di albinismo incompleto; infatti gli occhi mantengono la pigmentazione normale, diversamente dall’iride degli individui che manifestano albinismo oculare.
  • Albinismo: è un’anomalia congenita ed ereditaria, che si manifesta nell’uomo e in molti vertebrati (mammiferi, uccelli, pesci), consistente nella depigmentazione parziale o totale della pelle, dei peli e dei capelli, dell’iride e della coroide, da cui deriva una colorazione molto più chiara del normale, spesso addirittura bianca; determina scarsa tolleranza sia visiva sia cutanea alle radiazioni luminose.

Il carlino leucistico

Il Carlino leucistico ha il pelo bianco dovuto ad una condizione molto particolare per cui le cellule della pigmentazione riescono a svilupparsi correttamente.

Può avere orecchie e muso color crema ed una porzione della mascherina di colore nero.

Gli occhi avranno una colorazione normale.

 

Il carlino albino

L’albinismo è una condizione diversa rispetto al leucismo, e significa la totale assenza di melanina negli occhi, nella pelle e nel colore del pelo.

Questi cani sono completamente bianchi ed hanno il naso rosa e gli occhi rossi o azzurri.

I cani albini (di tutte le razze), sono geneticamente considerati malati rispetto ai loro omologhi di colore più scuro e potrebbero produrre cuccioli sordi, o essere sordi essi stessi.

In natura esistono diversi animali che presentano l’albinismo:

 

Se ti piacciono i carlini bianchi puoi seguirne alcuni su Instagram, ti cito i più famosi:

E questa è la mia amica Betty White

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *