I carlini dei duchi di windsor
Storia

La vita regale dei carlini dei duchi di Windsor

Il Duca e la Duchessa di Windsor furono probabilmente i più famosi allevatori di Carlini del XX secolo. Grazie a loro, questa razza che subì una lieve discesa di popolarità all’inizio del 900, tornò di nuovo di moda.

La vita lussuosa dei carlini dei Windsor

Durante la loro vita, il Duca e la Duchessa di Windsor furono proprietari di almeno 11 Carlini. Uno dei valletti del Duca, una volta osservò:

I Carlini erano i figli che i Windsor non avevano mai avuto. Il più famoso dei Carlini dei Windsor era Dizzy, che prese il suo nome dal primo ministro britannico Benjamin Disraeli.

Altri Carlini Windsor famosi furono: Winston, Davy Crockett, Mr. Chu, Rufus, Minoru, Trooper, Ginseng e Diamond.  

I Carlini dei Windsor cenavano in ciotole d’argento massiccio e la duchessa scriveva un menù settimanale per ogni cagnolino che lo chef doveva seguire: petto di cappone, fegato, bistecche di vitello.
Tutte le carni venivano acquistate e cucinare fresche ogni giorno e cotte prima di essere servite, inoltre, lo chef, cucinava per i cani dei biscotti prelibati ogni giorno.

Carlini viaggiatori

windsor pugsIl Duca e la Duchessa viaggiavano a livello internazionale con i loro Carlini e, siccome New York era la città dello shopping preferita della duchessa, i cagnolini Windsor spesso arrivavano ​​in grande stile presso l’hotel Waldorf Astoria.

In un’occasione, secondo la storia dagli archivi dell’hotel, il personale della struttura fu felice quando la coppia arrivò senza i loro carlini, che alla fine dei conti non erano ben addestrati fuori casa.

Tuttavia, la loro gioia fu di breve durata, quando il terzo giorno del loro soggiorno, un amico della coppia arrivò in hotel con in dono un altro Carlino “indisciplinato”.

Carlini da alta società 

Un invito a cena nella casa parigina del palazzo dei Windsor a Bois de Boulogne, era qualcosa per cui i membri dell’alta società avrebbero ucciso. In queste sontuose occasioni, i Duchi salutavano gli ospiti sempre affiancati dai loro quattro carlini tenuti con un guinzaglio d’oro firmato Cartier.

Valletto in livrea nella casa a Bois de Bologne con i carlini Mr. Disraeli, Mr. Chu, Trooper, Impy e Davy Crockett

All’inizio della giornata, come parte dei preparativi per la festa, il personale doveva lavare i carlini, spruzzarli con Miss Dior, il profumo preferito dalla duchessa, vestirli di visone e far indossare loro i collari tempestati di diamanti.

Giravano sempre in mezzo ai piedi di tutti. I padroni sapevano che i cani erano imperfettamente indisciplinati in casa ma il personale dei Windsor, tuttavia, era stato addestrato a ripulire istantaneamente qualora si fossero verificati degli incidenti. 

ha detto Suzy Menkes, autrice del libro del 1988 “The Windsor Style”. La signora Menkes nota che la coppia ha usato i cani per comunicare il loro amore: in una lettera alla duchessa, il duca mandò ” un milione di baci di cane ”.

Una villa piena di oggetti a forma di carlino

I carlini inanimati avevano il proprio posto speciale nei cuori dei Windsors. “Io sono sempre qui per proteggerli”, ha detto la duchessa riferendosi alla sua collezione di carlini in ceramica Meissen (foto a lato).

Nel 1997, Sotheby’s New York ha venduto all’asta alcuni oggetti contenuti nella casa di Parigi del duca e della duchessa di Windsor. 

Tra le sezioni sugli arredi Luigi XV e l’alta moda sono più di 15 le pagine dedicate ai cani, con più di 40.000 articoli.

C’è anche un portabicchiere in oro francese con iscrizione “da Wallis, Trooper, Disraeli, Davy Crockett ” auto-dono per il ventesimo anniversario della coppia, lenzuola ricamate con la parola “Pugs”e guinzagli incisi.

Fra gli oggetti vi erano anche dei cuscini a forma di carlino che erano sistemati ai piedi del letto della duchessa. Anche se Wallis, la duchessa, era ossessionata dalla pulizia, permise ai carlini di dormire nel letto con lei.

“Il denaro per la Duchessa era ordinato nuovo e fresco da una banca o lavato pulito e stirato dalle cameriere, le monete sono sempre state lavate. Ogni sera, appena prima della cena, due cameriere portavano le lenzuola pulite e appena stirate, nella stanza del duca e della duchessa, perchè Wallis non poteva soffrire le pieghe nel suo letto…

Dopo avere fatto il letto, vi veniva posto sopra un foglio di plastica in modo che i carlini vi potessero salire sopra con Wallis che usava dar loro dei biscotti.”

Dal libro “La duchessa di Windsor: la vita non comune di Wallis Simpson” di Greg King

 

 

 

Nel 2008, la casa d’aste Bonham ha messo in vendita alcuni dei collari indossati dai Carlini Windsor per un prezzo di vendita stimato di $ 6.000.

La fine di una favola

Si dice che i carlini fossero i figli che i Duchi non avevano mai avuto.

Una storia celebre tra il Duca e la sua Carlina Diamond, che dormiva nel suo letto, narra che Diamond si allontanò da casa due settimane prima della morte del Duca, e con sorpresa di tutti, Diamond tornò a casa poche ore prima che il duca morì (1972).

In seguito alla morte di Edoardo la duchessa di Windsor si ritirò a vita privata nella sua villa nel Bois de Boulogne, dove spirò nel 1986.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *