omogenizzati per bambini da non dare al cane
Alimentazione

Omogenizzati per bambini: ecco perchè non dovresti darli al tuo cane carlino

Troppo spesso mi è capitato di sentire di proprietari di cani che alimentano il proprio animale con omogenizzati per bambini.

Il carlino, seppur noi lo trattiamo come un membro della famiglia, non è un bambino e come tale ha bisogni nutrizionali differenti rispetto a noi.


Ecco perchè non dovresti dare gli omogenizzati per bambini al tuo carlino

Tutte noi mamme pug amiamo i nostri carlini come figli ma dobbiamo ammettere che, almeno biologicamente, non sono bambini e che quindi necessitano di un’alimentazione  diversa dalla nostra.

Se guardiamo, ad esempio, la composizione di un omogenizzato al pesce, noteremo che gli ingredienti non possono soddisfare il fabbisogno nutrizionale di un cane.

Ingredienti di un omogenizzato: Acqua di cottura, filetto di nasello (18%), patate (18%), amido di mais, farina di riso, succo di limone, olio di girasole.

Salta all’occhio che la quantità di proteine contenute è assolutamente molto bassa per un cane, oltretutto contiene troppi amidi che sono molto difficili da digerire per il carlino.

La somministrazione degli omogeneizzati ai cani, in grande quantità, può causare carenze nutrizionali perché non contengono il giusto equilibrio di proteine, vitamine e minerali.

Gli ingredienti contenuti negli alimenti per l’infanzia non sono adatti ai cani, alcune volte possono essere presenti aglio e cipolla in forma di polvere aromatizzante.
Dare continuamente questi omogenizzati al cane, può causare disturbi allo stomaco e diarrea, potrebbero inoltre verificarsi reazioni allergiche ad alcuni dei componenti inclusi.

Molti proprietari danno omogeneizzati al proprio cane se inappetente o se ha avuto problemi gastrici dovuti all’alimentazione industriale secca, ma è un grave errore!

Dare gli omogenizzati al cane, per un lungo periodo, non porterà ad alcun beneficio. Molto meglio un buon cibo umido oppure una sana ed equilibrata alimentazione casalinga.

Se ti è piaciuto il mio articolo, iscriviti al mio gruppo Facebook “Il carlino in salute” dove trattiamo spesso di alimentazione e problemi inerenti il cane carlino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *