Shopping cart

close
Consegna Gratis in Italia per ordini di almeno 89€ Shipping worldwide

Blog

Ossi di pelle finti, perchè evitarli
Alimentazione

Ossi di pelle per cani, ecco perchè evitarli

Promosso come uno snack “tutto naturale”, l’osso finto potrebbe essere un ottimo intrattenimento per il tuo cane… se non fosse un agglomerato di schifezze! Ora ti chiederai come può uno dei più popolari ossi da masticare essere così pericoloso per i nostri animali domestici?

La maggior parte dei proprietari di animali, specialmente i neofiti, credono che queste ossa finte da masticare siano una sorta di bastoncino di carne secca, ma non è così.

Comincio sfatando subito questo mito!

Cos’è in realtà l’osso di pelle finto?

Un osso finto non è il sottoprodotto della filiera bovina né è fatto di carne disidratata. Piuttosto è il sottoprodotto dell’Industria della pelle, quindi è un osso di pelle di scarto.

Suona incredibile, vero?

Se i produttori di queste ossa si tenessero agli standard del settore farmaceutico o alimentare, sarebbero costretti ad aggiungere una lunga lista di avvertenze alle loro etichette: può causare torsione dello stomaco, senso di soffocamento, vomito, diarrea, avvelenamento da salmonella e l’esposizione a diversi residui chimici.

Più il cane lecca, mastica e inghiottisce questo finto-snack, maggiore è la sua esposizione a tutti gli agenti inquinanti in esso contenuti.

Come fa questa pelle, a trasformarsi nei bellissimi ossi sapientemente arrotolati che troviamo in commercio?

FASE 1: Le pelli bovine vengono spedite dai macelli alle concerie per l’elaborazione. Queste pelli vengono poi trattate con un bagno chimico per aiutare “preservare” il prodotto durante il trasporto e per prevenire il deterioramento.

Una volta alla conceria: le pelli sono impregnate e trattate con una soluzione tossica di solfuro di sodio. Questo processo contribuirà a rendere liscia la pelle eliminando gli eventuali peli.

La produzione delle ossa di pelle inizia con la scissione della pelle d’animale, di solito dei bovini. La parte superiore è generalmente conciata e trasformata in prodotti come sedili per automobili, abbigliamento, scarpe e borse, mentre la porzione interna, cruda, va ai cani. – TheBark.com

FASE 2: Ora che abbiamo lo strato interno della pelle, è il momento di passare alla fase post-conceria. Le pelli vengono lavate e sbiancate utilizzando una soluzione di perossido di idrogeno e/o candeggina; questo aiuterà anche a rimuovere l’odore del cuoio marcio e putrido.

FASE 3: Ora è il momento di dare un look delizioso a questi fogli di pelle.

I prodotti vengono cosparsi di grasso affumicato e decorativo il cui colore è dato da coloranti e aromi artificiali (spesso). Possono essere verniciati anche con un rivestimento di ossido di titanio per farli apparire bianchi e invitanti” – Whole-dog-journal.com

Alcuni studi rivelando che una confezione di ossi può contenere sostanze cancerogene insieme a conservanti come il sodio benzoato – TheBark.com

FASE 4: Ora che queste pelli sono state dipinte, è il momento per il processo finale: ottenere che durino per sempre!

Siccome la FDA non considera questi ossi da masticare come cibo, i produttori possono decidere di aggiungere a questo oggetto anche delle colle per fare in modo che non si sfaldino.

Altri residui tossici che possono essere rilevati nelle ossa di pelle sono l’arsenico e la formaldeide. Ma la cosa più sconvolgente è che un’indagine della Humane Society International, ha fatto emergere la possibilità che in questi finti ossi ci siano tracce di pelle di cane:

In un panorama particolarmente macabro, le pelli di cani, barbaramente macellati in Thailandia, sono mescolate con altri pezzi di pelle per produrre giocattoli di pelle masticabili per i cani da compagnia. I produttori hanno detto agli investigatori che questi giocattoli sono regolarmente esportati e venduti nei negozi statunitensi – Dogingtonpost.com

Non sappiamo se questo concetto riguardi anche l’Italia o l’Europa ma speriamo di no.

Ora l’osso finto di pelle per cani è pronto per essere riposto negli scaffali dei negozi dove molti (ma speriamo sempre meno) proprietari lo acquisteranno come dono per il proprio amico a quattro zampe.

Perchè i nostri cani vanno pazzi per gli ossi finti?

Giotto carlino con osso di pelle finta

Giotto mentre sgranocchia un osso di pelle finta

Gli ossi finti di pelle inizialmente sono molto duri ed il tuo cane si divertirà a rosicchiarli, ma col tempo (basta qualche ora) l’azione dei denti e della saliva riusciranno ad ammorbidirli al punto di sciogliere i nodi alle estremità e a farli diventare gommosi. A questo punto il tuo cane sarà così coinvolto da non riuscire più a smettere di rosicchiarli.

Una volta che gli ossi sono diventati morbidi e spugnosi, non avranno nemmeno più alcune beneficio sulla masticazione e sulla pulizia dei denti ma saranno solo un pericolo di soffocamento e occlusione intestinale.

Quando Giotto era molto piccolo, adorava mordere e da proprietaria inesperta, sotto consiglio del negoziante, gli comprai questi ossi di pelle di bufalo. Lui li adorava e ci passava ore a sgranocchiarli ma quando diventano morbidi e lisci, lui li ingoiava interi, come fa una foca con gli adorati pesci!

A quel punto mi sono fatta venire dei dubbi e ho cominciato a chiedermi se davvero fossero così buoni per la salute del mio carlino, soprattutto perchè finivano direttamente nel suo intestino. Puoi immaginare ciò che ho scoperto con mio grande stupore ed è per questo che ho deciso di passare anche a te queste preziose informazioni.

Quali sono le alternative agli ossi di pelle?

A molti cani e anche a tanti carlini piace molto masticare, la masticazione è un’attività divertente, stimolante e anche stancante. Per i cani rosicchiare è molto importante ma soprattutto è un bisogno primario, ad esempio un cucciolo che impara a passare un po’ di tempo per conto suo rosicchiando qualcosa si abituerà più facilmente a stare a casa da solo.

Penso che tu abbia capito che gli ossi finti non sono la soluzione migliore e ora ti starai chiedendo:

Cosa posso dare al mio carlino per abituarlo a mordere?

Giotto con carota

Giotto mentre sgranocchia una carota

1. Una delle cose più salutari che potresti dare al tuo carlino per divertirsi a mordere è una bella carota fresca!

La ruvidità di una carota raschia contro la superficie dei denti del cane e aiuta a rimuovere l’accumulo indesiderato di placca rendendoli lucidi e bianchi.

2. Un altro snack molto apprezzato dal cane e particolarmente salutare è la trippa verde essiccata (ma anche tutti gli essiccati in generale).

Ti ho già parlato in un post precedente dei benefici della trippa verde per i cani e di quanto possa contribuire al benessere del suo intestino.

Sul nostro shop puoi trovarla in forma di comodi bastoncini che il cane potrà tenere fra le zampe e rosicchiare con gusto.

La moda del momento sono sicuramente le corna di cervo, uno snack 100% naturale ricavato dalle corna del cervo. Il tuo carlino amerà masticarle per ore e lo aiuterà a pulirsi i denti in modo naturale.

Non contengono conservanti, coloranti, plasticizzanti o esaltatori di sapidità, non emanano cattivi odori e sono ricche di sali minerali e nutrienti naturali che favoriscono anche uno stile di vita sano ed equilibrato. 

Grazie alla consistenza robusta, il corno non si scheggerà e potrà durare per molte settimane.

Rosicchiandolo si attiverà la funzione di pulire meccanicamente i denti del cane, in questo modo si riduce il rischio della formazione del tartaro e si irrobustiscono i denti rendendo le gengive sane e forti.

Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi fare sapere ai tuoi amici della pericolosità degli ossi finti per cani, condividilo su tutti i tuoi social network!

One thought on “Ossi di pelle per cani, ecco perchè evitarli

  1. Daniela ha detto:

    Grazie mi piace il suggerimento della carota

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll To Top

eBook - Pimp My Pug

IL CARLINO A MODO MIO

Guida per proprietari alle prime armi.

     
Questo sito utilizza cookies, anche di terzi. Per informazioni visita nostra Informativa. Proseguendo la navigazione sul sito o chiudendo il banner, acconsenti all’uso dei cookies.